BONIFICA DI SITI CONTAMINATI E ANALISI DI RISCHIO (21-22)

Seguici

  • English

BONIFICA DI SITI CONTAMINATI E ANALISI DI RISCHIO (21-22)

£0

About this course

Informazioni generali

Contenuto

  • Ore: 48
  • CFU: 5

Materiale didattico

Slide lezioni/dispense e altro materiale fornito in formato digitale dal docente

 

Obiettivi formativi

L’insegnamento si propone di fornire ai partecipanti le conoscenze riguardanti la bonifica dei siti contaminati, seguendo l’iter procedurale definito nella normativa di settore vigente.

 

Testi di approfondimento

  1. Bonomo (2000); Bonifica dei siti contaminati: caratterizzazione e tecnologie di risanamento, McGraw-Hill Companies
  2. Beretta (1992); Idrogeologia per il disinquinamento delle acque sotterranee, Pitagora Editrice
  3. Chiesa (1994); Inquinamento delle acque sotterranee, Hoepli
  4. Mariotti C., Merlo C. (2003); La gestione dei siti inquinati: dalle indagini alla bonifica. Bologna, Pitagora Editrice
  5. ISPRA, ISPESL, ISS, “Criteri metodologici per l’applicazione dell’analisi assoluta di rischio ai siti contaminati”, Rev.2008 (Manuale e Appendici)
  6. ISS,INAIL, “Banca dati per l’analisi di rischio sanitario ambientale”, Ver. 2015
Modulo 1
Scheda del modulo
  • Titolo: Caratterizzazione ambientale e Tecnologie di bonifica di siti contaminati
  • Docente: Andrea Del Frate
  • Acronimo: BSCAR1
  • CFU: 2
  • Ore di docenza: 16
Contenuti

Durante il modulo si daranno gli elementi per:

  • la definizione degli strumenti utili alla corretta caratterizzazione del sito attraverso la definizione del modello concettuale preliminare e del conseguente piano di indagine;
  • l’individuazione dei parametri sito specifici necessari all’esecuzione dell’analisi di rischio, nell’ambito della caratterizzazione;
  • la scelta della tecnica di bonifica più efficace nel contesto geologico trattato alla luce delle risultanza delle indagini effettuate.

Inoltre si approfondiranno i seguenti argomenti:

  • Indagini per la caratterizzazione ambientale dei siti contaminati;
  • Scopi dell’indagine ambientale sui terreni e sulle acque sotterranee;
  • Metodi di indagine previsti dal D.Lgs 152/2006;
  • Sondaggi ambientali;
  • Campionamento suoli ed acque.
Modulo 2
Scheda del modulo
  • Titolo: Impostazione progettuale e casi studio
  • Docente: Andrea Del Frate
  • Acronimo: BSCAR2
  • CFU: 1
  • Ore di docenza: 8
Contenuti
  • Argomenti trattati:
    • Bonifica di siti contaminati
    • Normativa tecnica;
    • Raccomandazioni tecniche a livello Nazionale ed Internazionale (ETC8 1993, TC5 1997, Direttive CEE).
    • Rassegna delle principali tecniche di bonifica in relazione alle tipologie di contaminanti ed alla natura dei terreni o delle acque sotterranee;
    • Scelta della tecnica di decontaminazione;
    • Aspetti progettuali delle varie tecniche;
    • Test pilota;
    • Approfondimenti sulle tecniche di: air sparging e soil-venting, soil washing e soil flushing;
    • Monitoraggio degli interventi di bonifica;
    • Messa in sicurezza di siti contaminati (coperture, barriere verticali, isolamenti di fondo);
    • Programmazione ed esecuzione dei controlli in corso d’opera.
Modulo 3
Scheda del modulo
  • Titolo: Procedure di Analisi di Rischio di siti contaminati e discariche
  • Docente: Francesco Ioppolo
  • Acronimo: BSCAR3
  • CFU: 2
  • Ore di docenza: 16
Contenuti
  • Argomenti trattati:
    • Inquadramento normativo: l’analisi di rischio nel D.Lgs. 152/2006
    • Standard internazionali e nazionali per l’applicazione dell’analisi di rischio assoluta: le norme ASTM e i criteri metodologici ISPRA-ISPESL-ISS
    • Costruzione del modello concettuale per l’analisi di rischio: definizione della sorgente di contaminazione, delle vie di esposizione, dei bersagli
    • Criteri di scelta dei parametri sito specifici
    • Calcolo degli obiettivi di bonifica
    • Casi di studio
Modulo 4
Scheda del modulo
  • Titolo: Esercitazione di AdR mediante software dedicati
  • Docente: Francesco Ioppolo
  • Acronimo: BSCAR4
  • CFU: 1
  • Ore di docenza: 8
Contenuti

Durante il modulo sarà fatta una rassegna dei principali software per l’applicazione dell’analisi di rischio ed è prevista un’esercitazione con RBCA Tool Kit e Risk-net

Corso singolo

*Questa scheda contiene informazioni utili per chi frequenta il corso in qualità di Corso Singolo

Il Corso si propone di fornire ai partecipanti le conoscenze riguardanti la bonifica dei siti contaminati, seguendo l’iter procedurale definito nella normativa di settore vigente.

Nello specifico, si daranno gli elementi per: la definizione degli strumenti utili alla corretta caratterizzazione del sito attraverso la definizione del modello concettuale preliminare e del conseguente piano di indagine; l’individuazione dei parametri sito specifici necessari all’esecuzione dell’analisi di rischio, nell’ambito della caratterizzazione; la scelta della tecnica di bonifica più efficace nel contesto geologico trattato alla luce delle risultanza delle indagini effettuate. Indagini per la caratterizzazione ambientale dei siti contaminati; Scopi dell’indagine ambientale sui terreni e sulle acque sotterranee; Metodi di indagine previsti dal D.Lgs 152/2006; Sondaggi ambientali; Campionamento suoli ed acque.

Il corso per l’A.A. 2020/2021 si svolge in modalità teledidattica.

Costo: 450€

Scadenza: 22/01/2021

Per ulteriori informazioni e per le modalità di iscrizione contatta l’Ufficio Coordinamento delle Attività Formative (055.9119449 – formazione-cgt@unisi.it).

Obiettivi

Il corso si propone di fornire ai partecipanti i contenuti tecnici ed amministrativi degli elaborati previsti in fase di caratterizzazione ambientale, progettazione operativa di bonifica e le conoscenze normative, tecniche e pratiche per l’applicazione dell’analisi di rischio ai siti contaminati.

Destinatari

Il Corso si rivolge a giovani laureati in discipline tecnologiche finalizzate alla gestione del Territorio e dell’Ambiente, a tecnici appartenenti a società di ingegneria ed a professionisti che operano nell’ambito della progettazione e realizzazione di bonifiche di siti inquinati, a tecnici che operano in laboratori chimici e biologici, a tecnici che operano nelle Amministrazioni Pubbliche e negli Enti di Controllo e si occupano delle problematiche della contaminazione dei suoli.