GEOMORFOLOGIA APPLICATA ALLA GEOINGEGNERIA (21-22)

Seguici

  • English

GEOMORFOLOGIA APPLICATA ALLA GEOINGEGNERIA (21-22)

£0
Docenti:

About this course

Informazioni generali

Contenuto

  • Ore: 24
  • CFU: 3

Materiale didattico

Slide lezioni/dispense e altro materiale fornito in formato digitale dal docente

 

Testi di approfondimento

  1. Panizza M. – Geomorfologia – Pitagora 2007
  2. Panizza M. – Manuale di geomorfologia applicata – Franco Angeli 2005
  3. Bartolini C., Peccerillo A. – I fattori geologici delle forme del rilievo – Pitagora 2003
  4. Marchetti M. – Geomorfologia Fluviale – Pitagora 2000
  5. Castiglioni G. Battista – Geomorfologia – Utet 1989
Modulo 1
Scheda del modulo
Contenuti

Il programma prevede:

  • Introduzione al corso.
  • Principi e metodi della geomorfologia, della geomorfologia applicata e della geologia applicata.
  • Carte geomorfologiche.
  • Lettura e riconoscimento delle forme del rilievo dalle carte topografiche e dalle fotografie aeree; esercitazioni pratiche mediante uso di stereoscopi da tavolo e di fotografie aree.
  • Fenomeni di erosione ed accumulo in ambiente subaereo.
  • Il clima ed i fenomeni di disfacimento delle rocce.
  • Suoli e paleosuoli.
  • Criteri di classificazione di rocce degradate: metodi di rilevamento e di restituzione cartografica.
  • Valutazione dell’entità dell’erosione del suolo.
  • Metodi di Fournier e di Capozza; metodi USLE, RUSLE USPED, PSIAC; analisi geomorfica quantitativa.
  • Le frane.
    • Classifiche delle frane; evoluzione della franosità.
    • Frane in roccia.
    • Deformazioni gravitative profonde di versante.
    • Regimi pluviometrici e frane.
    • Rapporti tra frane e terremoti.
    • Monitoraggio dei fenomeni franosi.
    • Tecniche EO per il monitoraggio di movimenti di versante.
    • Criteri d’intervento per la stabilizzazione di aree in frana.
    • Il contributo dell’ingegneria naturalistica.
    • La valutazione della pericolosità da frana nella pianificazione territoriale.
    • Metodi di valutazione della franosità potenziale e loro analisi critica.
    • L’uso delle classificazioni geomeccaniche nella valutazione della stabilità di pendii e fronti in roccia.
    • I modelli su base fisica.
    • Stima della propagazione di frane rapide.
    • La pericolosità in aree di conoide.
    • La valutazione del rischio da crollo sulle vie di comunicazione.
    • I Piani di Bacino e la perimetrazione di aree a rischio di frana.

Members

Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet. Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit. Duis sed odio sit amet nibh vulputate cursus a sit amet mauris. Morbi accumsan ipsum velit. Nam nec tellus a odio tincidunt auctor a ornare odio. Sed non mauris vitae erat consequat auctor eu in elit.

Total number of students in course: